.

.

SPIRITO SANTO

SPIRITO SANTO
"VIENI, .."

BUONA S. PASQUA

BUONA S. PASQUA
La Resurrezione di Gesù porti il Suo Amore nei nostri cuori

Nel Corpo e nel Sangue di Gesù

Ciascun uomo possa "sentire e gustare" la presenza di Gesù e Maria, SS. Madre della Pentecoste, nella propria vita, in ogni attimo della propria giornata.

Nella Vita e nella Parola di Gesù l'uomo trovi la sua vera dimensione e riesca ad esprimerla con Amore e Carità.

Silenzioso Dio

Fatima

Fatima
Cappella delle Apparizioni

S. Maria del Cammino





Il Papa venuto da lontano....

Il Papa venuto da lontano....
Dono di Dio per tutti gli uomini

mercoledì 23 marzo 2011

A Presto!



Chiediamo le più sentite scuse per il lungo silenzio....

 Arrivederci a presto!

michy

venerdì 17 dicembre 2010

Tutto Iasia

Isaia 16

1 Mandate l'agnello al signore del paese,
dalla rupe verso il deserto
al monte della figlia di Sion.
2 Come un uccello fuggitivo,
come una nidiata dispersa
saranno le figlie di Moab
ai guadi dell'Arnon.
3 Dacci un consiglio,
prendi una decisione!
Rendi come la notte la tua ombra
in pieno mezzogiorno;
nascondi i dispersi,
non tradire i fuggiaschi.
4 Siano tuoi ospiti
i dispersi di Moab;
sii loro rifugio di fronte al devastatore.
Quando sarà estinto il tiranno
e finita la devastazione,
scomparso il distruttore della regione,
5 allora sarà stabilito un trono sulla mansuetudine,
vi siederà con tutta fedeltà, nella tenda di Davide,
un giudice sollecito del diritto
e pronto alla giustizia.
6 Abbiamo udito l'orgoglio di Moab,
l'orgogliosissimo,
la sua alterigia, la sua superbia, la sua tracotanza,
la vanità delle sue chiacchiere.
7 Per questo i Moabiti innalzano un lamento per Moab,
si lamentano tutti;
per le focacce di uva di Kir-Carèset
gemono tutti costernati.
8 Sono squallidi i campi di Chesbòn,
languiscono le viti di Sibmà.
Signori di popoli
ne hanno spezzato i tralci
che raggiungevano Iazèr,
penetravano fin nel deserto;
i loro rami si estendevano liberamente,
giungevano al mare.
9 Per questo io piangerò con il pianto di Iazèr
sui vigneti di Sibmà.
Ti inonderò con le mie lacrime,
Chesbòn, Elealè,
perché sui tuoi frutti e sulla tua vendemmia
è piombato il grido dei vignaioli.
10 Sono scomparse gioia e allegria dai frutteti;
nelle vigne non si levano più lieti clamori,
né si grida più allegramente.
Il vino nei tini nessuno lo ammosta,
l'evviva di gioia è cessato.
11 Perciò le mie viscere fremono
per Moab come una cetra,
il mio intimo freme per Kir-Carèset.
12 Moab si mostrerà e si stancherà sulle alture,
verrà nel suo santuario per pregare,
ma senza successo.
13 Questo è il messaggio che pronunziò un tempo il Signore su Moab.
14 Ma ora il Signore dice: «In tre anni, come gli anni di un salariato, sarà deprezzata la gloria di Moab con tutta la sua numerosa popolazione. Ne rimarrà solo un resto, piccolo e impotente».

giovedì 16 dicembre 2010

16 dicembre 2010 Un pensiero al giorno di Giovanni Paolo II

Nel tempo liturgico dell’Avvento ci prepariamo a rivivere il mistero della nascita del Redentore: evento così antico e pur sempre misteriosamente nuovo. È antico, perché affonda le sue radici nell’eterno disegno di Dio, che, anche se realizzato storicamente circa due millenni or sono, è stato preparato fin dall’alba della creazione. È, al tempo stesso, evento sempre nuovo, perché sprigiona, di generazione in generazione, la sua inesauribile energia redentrice nell’attesa del ritorno di Cristo nella gloria. Alla luce di tale mistero, la storia umana, al di là delle quotidiane traversìe, manifesta una profonda unità, e l’uomo è chiamato a costruirla in un responsabile e attivo dialogo con la Provvidenza divina. Auspico di cuore che l’Avvento, tempo di attesa, di ascolto e di speranza, costituisca per tutti i credenti un’occasione propizia per ravvivare la loro fede e corroborare l’impegno di una coerente testimonianza di vita cristiana.

[Angelus, 29 novembre 1992]

Aurora: Raccolta di pensieri

RAZZIE DI CUORI

Occhi di cristallo, da far pazzie !
Grandi, azzurri, limpidi, dolci.
Nel suo sguardo, colmo di languore,
uno struggimento d’amore…,
un “non detto” da far felici!
Un uomo così, nel desio t’annega,
nella tentazione ti sprofonda,
mentre ci prova lo nega…,
ma tu senti che ti sonda.
Ti guarda e ti strega,
sei conquistata e lo sai.
Ma nessun uomo ti frega,
non c’è passione che tenga,
quando all’ “AMOR” ti dai!

mercoledì 15 dicembre 2010

Tutto Iasia

Isaia 15

1 Oracolo su Moab.
È stata devastata di notte,
Ar-Moab è stata distrutta;
è stata devastata di notte,
Kir-Moab è stata distrutta.
2 È salita la gente di Dibon
sulle alture, per piangere;
su Nebo e su Màdaba
Moab innalza un lamento;
ogni testa è stata rasata,
ogni barba è stata tagliata.
3 Nelle sue strade si indossa il sacco,
sulle sue terrazze si fa il lamento.
Nelle sue piazze ognuno si lamenta,
si scioglie in lacrime.
4 Emettono urla Chesbòn ed Elealè,
le loro grida giungono fino a Iàas.
Per questo tremano le viscere di Moab,
freme la sua anima.
5 Il cuore di Moab geme;
i suoi fuggiaschi giungono fino a Zoar.
Ah, la salita di Luchìt salgono piangendo.
Sulla via di Coronàim
mandano grida strazianti.
6 Le acque di Nimrìm sono un deserto,
l'erba si è seccata, finita è la pastura;
non c'è più nulla di verde.
7 Per questo fanno provviste,
le loro riserve
trasportano al di là del torrente dei Salici.
8 Risuonano grida
per tutto il territorio di Moab;
fino a Eglaim giunge il suo urlo,
fino a Bir-Elim il suo urlo.
9 Le acque di Dimòn sono piene di sangue,
eppure colpirò Dimòn con altri mali;
un leone per i fuggiaschi di Moab
e per il resto del paese
.

15 dicembre 2010 Un pensiero al giorno di Giovanni Paolo II

Fin dall’antichità la Chiesa, nella sua sollecitudine pastorale, ha voluto accompagnare il corso del tempo con la celebrazione dei principali eventi della vita di Gesù e della storia della salvezza.
In tal modo essa intende illuminare il cristiano nel cammino della sua esistenza, sostenerlo nelle occupazioni quotidiane, elevarlo ad un’atmosfera soprannaturale, orientarne l’attesa verso l’incontro definitivo con Cristo Signore. Impegniamoci a vivere intensamente questo primo “tempo forte d’avvento” in preparazione del Natale. La nascita di Gesù è l’avvenimento assolutamente centrale della storia, verso il quale convergono le vicende precedenti dell’umanità e dal quale si dipartono i loro sviluppi successivi. Il grande tema di riflessione, che l’Avvento ci presenta, consiste nel considerare con rinnovata attenzione la decisiva importanza della venuta di Cristo sulla terra.
L’Avvento, infatti, è il tempo propizio per riscoprire con gioia le certezze della nostra fede: Gesù s’è fatto uomo per noi. Egli è presente e vivo anche nel mondo di oggi e, con la forza del suo Spirito, continua ad agire nell’intimo dei cuori per disporli ad accogliere il messaggio della salvezza.

[Angelus, 1 dicembre 1991]

Aurora: Raccolta di pensieri

MARGARITA

“Miele di castagno sciolto nel caffé ”
Dolce, scuro, aromatico, forte.
“Feliz el hombre que te gusta como mujer”
Nella profondità dei tuoi occhi,
si inabissa e scolora la notte,
mentre affiorano lucidi specchi;
intensi riflessi di luce e bontà,
luminosa tenerezza e serenità.
Sorridi e tutto ritorna in sintonia!
Sei musica, gioia, vita, melodia.
Si spande un aroma intorno a te?
“Miele di castagno sciolto nel caffé ”.